Cerca
  • infocepibsport

Genitori e sport, istruzioni per l’uso.

#genitori #sport #genitoreatleta #lasciatecigiocare #daispazioatuofiglio #presenza #costanza #rassicurazione #psicoeducazione


Lo sport fa pensare immediatamente a vittoria, sacrificio e quanto a più di bello ci possa essere in ogni disciplina sportiva. Spesso non viene, però, considerato quanto incidano negativamente costrizioni ed obblighi imposti dai genitori ai giovani atleti che si stanno formando. Chi lavora con gli atleti si trova di fronte genitori che esaltano le prestazioni dei propri figli, che li immaginano campioni olimpionici, in questo modo, i genitori, già stanno precludendo tale possibilità. I genitori che vogliono prendersi una rivalsa sono alla costante ricerca del risultato, della costante performance dei propri figli generando un’ansia da prestazione indiretta. Per fronteggiare questa evenienza è opportuno che figli e genitori imparino ad ascoltarsi, questo richiede tempo pazienza ed empatia, essere meno opprimenti ed avere meno aspettative lasciando al bambino/atleta lo spazio ed il tempo di divertirsi prima ancora di gareggiare.

Gli allenatori, gli istruttori, i tecnici per fronteggiare l’irruenza e le continue intrusioni da parte dei genitori, dovrebbero avere ed affinare nel tempo quella “preparazione professionale” che consenta loro di affrontare con autorevolezza ed assertività le invasioni dei genitori, delimitando i confini personali e professionali di ognuno. Ma una assillante e preponderante presenza del genitore nello sport del figlio quale risultato potrebbe avere? Semplice, l’abbandono dello sport da parte del giovane atleta, oppure al fine di gratificare i propri genitori gli atleti adottano quei trucchetti illegali che in altri termini definiremo doping pur di raggiungere la prestazione e dimostrare forza e valore sul campo. La schiacciante presenza concorre a formare giovani con personalità insicure e con bassa autostima. Negli ultimi anni si sta accostando la figura dello psicologo dello sport nelle società sportive, il ruolo ancora poco considerato, permette di mettere in atto una sorta di psicoeducazione volta a migliorare la relazione tra atleta e allenatore, atleta e genitori, genitori ed allenatori. Lo specialista agevola queste relazioni e agevola l’apprendimento delle esperienze costruttive quali la vittoria e la sconfitta tutto ciò rientra in quelle esperienze che allenano alla vita oltre che a crescere e diventare, giorno dopo giorno un campione. Il team di CEPIB ha già messo a punto un piano di intervento che sta già restituendo importanti feedback, sta consentendo ai giovani atleti di crescere in maniera efficace nella vita come nello sport e permette ai genitori di seguire i propri figli in modo corretto, garantendo presenza, costanza e rassicurazione.

3 visualizzazioni

© 2018 Cebip sport. Created with Wix.com