Cerca
  • infocepibsport

Cosa ci spinge? Conosciamo la nostra motivazione?

#motivazione #maslow ##successo #vittoria #motivazioneestrinseca #motivazioneintrinseca #modelloCREA #psicologiaesport #psicologiaperlosport #prestazione #sviluppailtuopotenziale


La motivazione è una componente fondamentale per il successo (Cerasoli, Nicklin, & Ford, 2014). L'elemento comune tra le teorie sulla motivazione è che gli individui sono motivati ​​da fattori interni ed esterni che guidano la direzione, l'intensità e la persistenza dei comportamenti delle prestazioni (Cerasoli, Nicklin, & Ford, 2014).

La motivazione intrinseca implica fattori motivanti interni. Dipende dall'interesse personale dell'individuo e dalla soddisfazione. Per svilupparla possiamo far riferimento alla informazione, alla formazione e all’apprendimento continuo e diversificato. Qui sono determinati i fattori personali: la propria storia, l’identità, la personalità. L’intervento si centra sul mettere l’atleta al centro del suo percorso, aiutandolo a contattare i bisogni che lo muovono.

La motivazione estrinseca, invece, coinvolge fattori esterni, come il riconoscimento e la ricompensa. I comportamenti estrinsecamente motivanti sono influenzati prevalentemente dal guadagno di stima e approvazione. Siamo nell’ambito del riconoscimento e dell’autorealizzazione e l’intervento è maggiormente centrato sul contesto organizzativo nel quale performa.

Cerasoli, Nicklin e Ford (2014) hanno condotto una meta-analisi delle ricerche degli ultimi 40 anni. Il loro lavoro si concentra sull'interrelazione tra motivazione intrinseca, incentivi estrinseci e prestazioni, con riferimento a due moderatori: tipo di prestazione (qualità rispetto alla quantità) e contingenza di incentivi (direttamente saliente della performance vs. indirettamente performance-saliente). L’esame della ricerca ci consente di affermare che la motivazione intrinseca è un fattore predittivo di performance medio-alte mentre ad alto livello gli incentivi determinano in modo più significativo. La ricerca ha portato altresì ad affermare che gli incentivi e la motivazione intrinseca non sono necessariamente antagonistici e generano un potenziamento della prestazione quando considerati insieme.

Insomma “essere motivati” è una condizione necessaria e sufficiente per competere ad un buon livello, ma il riconoscimento economico e sociale genera una convinzione di autoefficacia maggiorativa.


Il nostro Modello di lavoro (C.R.E.A.), segue proprio questo processo, partendo dalla persona, dai tratti che lo caratterizzano, dai bisogni primari per poi connettersi con i bisogni superiori, seguendo la piramide di Maslow.

In tal modo la persona entra nel contesto, dal quale viene riconosciuto e alimentato.

34 visualizzazioni

© 2018 Cebip sport. Created with Wix.com