Cerca
  • infocepibsport

Affrontare il passato

#emozioni #passato #modellocrea #crealatuaperformance #emozioniesport #regolazioneemotiva #selftalk #stressinoculationtraining #sediavuota #atleti #moodcongruityeffect #gestionedellostress #psicologiadellosport

Cosa accade quando incontriamo il nostro passato?

Non è poi così insolito, un calciatore spesso si trova ad affrontare, sul campo da gioco, vecchie squadre in cui ha militato e dalle quali è andato via senza concludere il rapporto in modo sereno. Per questo lo stato d’animo dell’individuo influisce sul richiamo di ricordi congruenti con l’umore attuale, per un processo denominato Mood Congruity Effect (Bower, 1981). La funzione direttiva della memoria autobiografica si riferisce proprio al ruolo delle esperienze passate nel guidare pensieri, emozioni e comportamenti attuali e futuri delle persone (Bluck, Alea, Habermas e Rubin, 2005). Andersen e Baum, invece, in uno studio condotto nel 1994 hanno illustrato come le persone sperimentino emozioni negative nel momento in cui sta per verificarsi un incontro con uno sconosciuto che può sembrare simile a un’altra persona (altro significativo) incontrata nel passato e con il quale si erano avute esperienze negative.

Quali sono le reazioni più comuni di un atleta?

Ogni atleta vive emozioni, emozioni negative come paura o rabbia utili alla sopravvivenza, a riconoscere i pericoli e ad evitarli. L’energia liberata dall’organismo può essere incanalata e guidata in modo da fare di più e meglio nello sport, per continuare a perseguire i propri obiettivi mantenendo le speranze di successo. In generale comunque si deve lavorare per ridurre l’eccitazione fisiologica creatasi con una reazione di stress non specifica che ha portato a seconda delle circostanze a rabbia o paura.

Le emozioni positive negli sport con compiti motori che richiedono un’elevata precisione e notevole attenzione cognitiva possono essere molto controproducenti. Tutte le emozioni hanno inizialmente un aspetto comune: si genera un’attivazione del sistema nervoso centrale e spesso anche di processi cognitivi non necessari ai fini della prestazione. Le conseguenze possono essere varie, da una minore concentrazione ad uno stato di elevata noncuranza o persino arroganza, errori tecnici o tattici e trascuratezza nell’esecuzione del compito.

Quale ruolo giocano le emozioni?

Le emozioni, sono essenziali nella vita di ogni sportivo, indipendentemente dal suo livello di esperienza. Non possiamo, perciò, considerarle delle semplici reazioni, ma sono la componente che motiva le persone ad attuare specifici comportamenti. Quindi ogni atleta, ogni allenatore, deve imparare ad ascoltarsi e a conoscersi, imparare come il proprio corpo reagisce agli eventi per poterlo poi prevedere e controllarlo al meglio.

Cosa fare per concentrarsi sulla prestazione?

Il compito di uno psicologo dello sport è quello di insegnare all’atleta ad avere l’abilità di raggiungere un adeguato livello di concentrazione utile alla prestazione. È possibile utilizzare strategie cognitivo comportamentali quali:

§ Self-talk per formulare obiettivi e inserirli in un dialogo con se stessi che escluda l’intervento di pensieri intrusivi e distraenti.

§ Gestione delle emozioni sotto stress: lo stato di stress si verifica quando l’atleta percepisce una discrepanza tra la richiesta ambientale (sfida) e le risorse che egli percepisce di avere a disposizione per affrontare la sfida (livello di abilità) ovvero

§ Stress Inoculation Training, la desensibilizzazione sistematica e la ristrutturazione cognitiva che si occupa di individuare e correggere le distorsioni del pensiero che sono la causa di emozioni disfunzionali.

§ Sedia vuota: è una tecnica mutuata dall’approccio della gestalt, dove la persona è invitata a parlare con una sedia vuota sulla quale può inserire personaggi e vivere emozioni. In questo modo sarà possibile per lui contattare i propri vissuti e portarli a consapevolezza. Ciò lo rendere più capace di gestire il momento dell’incontro. Il suo cervello avrà già dominato la sua pancia.


13 visualizzazioni

© 2018 Cebip sport. Created with Wix.com